SICUREZZA – Canturini e WhatsApp, al via il Controllo di vicinato

mercoledì, 5 dicembre 2018

CANTÙ - L’amministrazione comunale di Cantù procede nell’attuazione del pacchetto sicurezza e, in anticipo sulla tabella di marcia, ufficializza la data di presentazione del progetto “Controllo del vicinato”.

Giovedì 13 dicembre alle 20.45 nel salone dei convegni di piazza Marconi a Cantù, si terrà il primo incontro pubblico di presentazione del progetto. Saranno presenti per l’occasione il vicepresidente dell’associazione Controllo di vicinato (ACdV) Alfonso Castellone, il responsabile provinciale Alessandro Porro, il vice sindaco Alice Galbiati, il comandante della polizia locale Vincenzo Aiello. Incontro ovviamente aperto a tutta la cittadinanza.

Attraverso il controllo di vicinato l’amministrazione comunale intende sviluppare un programma di sicurezza partecipata che valorizza il ruolo della cittadinanza attiva, della partecipazione diretta alla cura del territorio e della coesione sociale.

Lo scopo è quello di ridurre il verificarsi di reati contro la proprietà e le persone. Non si tratta di ronde, ma della collaborazione tra vicini ai quali, raccolti in gruppi per quartieri e/o frazioni, si chiede un’attività di osservazione e di segnalazione di situazioni ed eventi sospetti che saranno raccolte da un coordinatore di gruppo e da questi segnalato alle forze dell’ordine. Lo strumento utilizzato per tenere i contatti all’interno del gruppo è WhatsApp.

L'attività dei gruppi di Controllo del Vicinato sarà segnalata da appositi cartelli che hanno lo scopo di informare chiunque transiti nella zona interessata dal progetto che la sua presenza non passerà inosservata e che il vicinato è attento e consapevole di ciò che avviene all'interno della propria area.

Dove è attivo, i molti occhi dei residenti sugli spazi pubblici e privati rappresentano un deterrente contro i furti nelle case e un disincentivo per altri comportamenti illegali (graffiti, scippi, truffe, vandalismi, ecc.).

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)