VIGHIZZOLO – Evade dai domiciliari per rapinare le poste, canturino nei guai

martedì, 5 ottobre 2021

CANTÙ - Nel corso del pomeriggio di ieri, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cantù e della Tenenza di Mariano Comense, hanno tratto in arresto in flagranza di reato F.M., canturino classe 1967, resosi responsabile del reato di rapina aggravata, nonché di evasione dagli arresti domiciliari.

I fatti risalgono alla tarda mattinata di ieri, 4 ottobre, quando un soggetto di sesso maschile con il capo coperto da una giacca con cappuccio ed il volto celato dietro una mascherina chirurgica, si è presentato all’interno dell’ufficio postale di Vighizzolo dove, impugnato un coltello a serramanico, ha intimato al personale di sportello la consegna del contante presente in cassa, per una cifra di poco inferiore ai 1000 euro. Ricevuto il danaro, il malfattore si è fatto inoltre consegnare dagli stessi dipendenti una busta in cui inserire la refurtiva.

Ricevuta la segnalazione dell’evento e la descrizione fisica dell’autore, i militari operanti, impegnati senza soluzione di continuità nelle ricerche di quest’ultimo e facendo leva sulle conoscenze info-investigative del territorio, hanno indirizzato le indagini su F.M. poiché, oltre alle caratteristiche fisiche compatibili, è soggetto noto per i suoi precedenti penali specifici.

Raggiunta prontamente l’abitazione dove questo stava scontando la misura degli arresti domiciliari per altra causa, l’uomo – che nel frattempo era rientrato a casa ed aveva indossato un pigiama – veniva reperito e sottoposto a perquisizione domiciliare, consentendo il rinvenimento degli stessi indumenti descritti dai testimoni ma soprattutto di una caratteristica busta delle Poste Italiane utilizzata per la corrispondenza interna, nonché del denaro contante corrispondente a quanto precedentemente asportato.

Successivamente, non lontano dal luogo del reato, era stato rinvenuta – abbandonata dal reo – anche l’arma bianca utilizzata durante le fasi della rapina. La profonda conoscenza del territorio e del suo tessuto criminale nonché la rapidità dell’azione investigativa hanno quindi permesso di raccogliere inconfutabili elementi di colpevolezza a carico del reo in ordine al reato di rapina aggravata dall’uso di armi; recuperare la refurtiva che veniva poi restituita a Poste Italiane; documentare l’allontanamento arbitrario dell’arrestato dal luogo di detenzione domiciliare.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Como a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)