La sicurezza di PayPal per giocare sui casinò online

lunedì, 14 ottobre 2019

Tutti sappiamo cosa è PayPal: un sistema pratico e soprattutto molto sicuro per effettuare i nostri pagamenti online. E' una vera potenza per quanto riguarda questo settore: comodissima, dato che basta il login e l'associazione alla nostra carta di credito la prima volta per poi essere sempre collegati al nostro account, è controllata dalle autorità nazionali (in Italia PayPal è equiparata a un tradizionale istituto di credito con tutte le verifiche che ne derivano). Non solo, però: forse non tutti sanno che utilizzare questo sistema di pagamento creato da Elon Musk, ora proprietà del colosso Ebay, per il mondo del gambling (scommesse sportive e casinò online) non prevede il versamento di commissioni, essendo il bookmaker a farsene carico, cosa che non accade, ad esempio, col classico bonifico bancario. Su www.imiglioricasinoonline.net troverete tutte le informazioni sul rapporto tra casinò online e PayPal.

CHI PUÒ PREOCCUPARE UN COLOSSO COME PAYPAL?
PayPal è come una regina del mercato, quindi: ogni dispositivo la supporta, è sicurissima, ha il servizio di protezione acquirenti e tutti i vantaggi che abbiamo prima elencato. Eppure, c'è un servizio che rischia di farle le scarpe (e in alcuni settori l'ha già superata): stiamo parlando di Apple Pay. Quando Apple ha presentato i dati del suo terzo trimestre fiscale, infatti, è stato notato che i guadagni dalla vendita di iPhone (prodotto di punta della Mela) rappresentavano meno del 50% delle entrate totali dell'azienda. Eppure i ricavi dell'azienda sono aumentati. Come mai? Altri prodotti hanno venduto bene, certo, ma soprattutto sono stati i servizi forniti dalla Compagnia di Cupertino a fare la differenza sul mercato. Tra questi servizi, appunto, eccoci a parlare di Apple Pay: già disponibile in molti paesi, questo servizio è stato paragonato da Tim Cook (capo di Apple) a PayPal affermando che il suo servizio sta raggiungendo il colosso di Ebay sia in termini di transazioni che in numero di utenti. Non solo: Apple Pay sta registrando molte più registrazioni di nuovi utenti rispetto a PayPal e il volume delle transizioni mensili sta "crescendo quattro volte più velocemente", per citare le esatte parole del boss di Apple. Guardando le transazioni, infatti, si può notare come il numero di queste abbia ormai raggiunto e superato il tetto del miliardo al mese. E il progetto è sbarcato in Europa da poco, il che fa ipotizzare che la crescita di Apple Pay sia ancora ben lontana dal subire un arresto.

APPLE CARD E LA FUTURA RIVOLUZIONE NEI PAGAMENTI
Non solo Apple Pay: Apple sta per lanciare Apple Card, capace (com'è logico aspettarsi) di associarsi ad Apple Pay e consentirà ai numerosissimi utenti di approfittare di grandi vantaggi: la carta di credito made in Cupertino, associabile a iPhone, iPad, Apple Watch e Mac, per pagamenti online e nei negozi che supportano pagamenti contactless, è ordinabile anche in forma fisica così da permettere un utilizzo completo in qualsiasi situazione. I vantaggi per gli utenti saranno moltissimi: la carta non avrà commissioni per ritardi, anticipi in contanti, prelievi internazionali, eventuali scoperti e molto altro.

Il principio che regola la filosofia di questa carta (lanciata sul mercato USA lo scorso agosto) è fornire agli utenti una visione il più possibile chiara e immediata delle proprie spese, suddivise per colori in base alle categorie di appartenenza: cibo e bevande, intrattenimento, viaggi eccetera. Sulla app Wallet, poi, l'immagine della carta di credito cambia colore a seconda della spesa effettuata in varie categorie di commercianti, collegati su Apple Maps. Apple Maps che risulterà comodissimo anche per avere informazioni dettagliate sull'acquisto preso in esame di volta in volta nell'estratto conto, mostrando esattamente dove abbiamo compiuto un dato acquisto, posizionandolo perfettamente su una mappa, così da rinfrescarci la memoria su quel paio di scarpe che proprio non ricordiamo di aver comprato (strano ma vero!): riepiloghi settimanali e mensili, consigli su come pagare il proprio saldo, piani di pagamento per evitare il pagamento di interessi non necessari. Una vera e propria consulenza finanziaria sotto forma di app, sempre disponibile, sempre efficiente. Unica accortezza: verrà stampata e inviata solo una carta fisica per account, il che significa che ci sarà una sola carta per famiglia, se in famiglia si ha un unico account Apple. Una nota tecnica: gli utenti che dispongono di iPhone XS, XS Max e XR potranno attivare la propria carta fisica spostando il telefono vicino al tag NFC nascosto nella confezione della scheda. Per i possessori di iPhone X o precedenti, invece, sarà necessario aprire l'app Wallet prima di toccare ilo telefono con la carta.

Per Apple Card non resta che aspettare lo sbarco in Europa, dunque: il futuro sarà presto nelle nostre mani, le possibilità di scelta riguardo ai metodi di pagamento saranno sempre di più e con esse aumenteranno anche i vantaggi che una sana concorrenza porta al mercato. Siamo sicuri che l'azienda di Cupertino saprà stupire gli utenti ancora una volta.

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)