200-125dumps 100-105dumps 210-260dumps 300-115dumps 200-105dumps 300-101dumps 200-310dumps 210-060dumps 200-355dumps 640-911dumps 300-075dumps 300-208dumps 300-070dumps 300-360dumps 642-998dumps QV_DEVELOPER_01dumps 400-101dumps 210-451dumps 700-501dumps 400-051dumps 117-201exam 070-243exam 70-696dump 648-244dumps 500-005dumps 640-875dumps 700-505 640-878dumps 600-199dumps 400-351dumps 101-400dump 300-320dumps 210-065dumps 70-480dumps CCA-500dumps

“OPERAZIONE CHEF” – Chiesti oltre 45 anni per il pestaggio di un ristoratore

venerdì, 21 aprile 2017

VERTEMATE CON MINOPRIO - Cinque imputati rischiano, in totale, una condanna per più di 45 anni di carcere per reati di estorsione, usura, lesioni personali e sequestro di persona in concorso. La richiesta viene dal pm Simona De Salvo, al termine del processo in corso davanti al Tribunale di Como.

I cinque, quattro uomini e la convivente di uno di loro, tutti provenienti dalla Brianza e dal milanese, nel 2014 avevano fatto credito a un ristoratore di Vertemate per quarantamila euro, cifra aumentata nel corso del tempo, e a luglio del 2015 - non essendo stato restituito loro il prestito - avrebbero pestato l'uomo con una spranga, sequestrandolo per 10 ore e facendolo finire in ospedale con fratture alle braccia e al volto.

Questa l'accusa del ristoratore, ripetuta in aula ed esattamente la stessa della denuncia sporta all'epoca ai carabinieri di Cantù. I cinque, però, hanno sempre negato le aggressioni e i loro avvocati hanno chiesto l'assoluzione per tutti. Tuttavia l'uomo più gravemente imputato, Luca Saccomano, 39 anni di Bollate, per il quale sono stati chiesti 12 anni e 6 mesi di carcere, era stato arrestato in flagranza di reato, subito dopo la denuncia del pestaggio. Nei mesi successivi l'inchiesta - denominata "operazione Chef" - aveva permesso di individuare gli altri imputati, che secondo gli inquirenti sarebbero coinvolti a vario titolo nelle diverse ipotesi di reato per cui sono stati processati.

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)