LURATE CACCIVIO – Fermati nei boschi di Castello due spacciatori italiani

martedì, 17 marzo 2020

LURATE CACCIVIO - Due italiani sono stati arrestati in quanto responsabili di spaccio di cocaina e hashish nei boschi di "Castello", località di Lurate Caccivio. Uno di loro inoltre aveva messo in piedi una estorsione ai danni di una persona residente in provincia. Fermati dai carabinieri di Lurate Caccivio, il tribunale di Como ha disposto la misura cautelare in carcere.

I militari sorvegliavano S.G., 37 anni, e R.T., 23enne, entrambi di Lurate Caccivio, dal novembre scorso. Le indagini hanno permesso di documentare 58 cessioni di sostanza stupefacenti ad oltre 15 clienti, tutti segnalati alla Prefettura.

Il 37enne, inoltre, si è resto autore di reiterate estorsioni. Singolari le modalità: in più occasioni l'uomo aveva chiesto denaro alla sua vittima, in "tranche" da 50, 80 o 100 euro, con la motivazione - inventata - che questi dovesse sostenere le spese legali di un detenuto, del quale però lo spacciatore era rimasto vittima per lesioni colpose. A convincere la vittima la minaccia che, qualora non avesse adempiuto, i parenti di quel violento si sarebbero vendicati.

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)