CRONACA – In 280 nel locale per una festa abusiva, 70mila euro di multa

domenica, 11 dicembre 2022

CANTÙ -  Nel corso della notte appena trascorsa, militari del Comando Compagnia Carabinieri di Cantù , congiuntamente al NIL (Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro) di Como e al Nucleo Cinofili di Casatenovo, hanno effettuavano un servizio coordinato di controllo a pubblici esercizi e avventori, finalizzato alla prevenzione dello spaccio di sostanze stupefacenti ed alla verifica della regolarità del personale impiegato per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro.

In particolare, militari della Stazione Carabinieri di Lurate Caccivio, al comando del Lgt. C.S. Domenico Bruno, supportati dal personale del NIL e dai cinofili, hanno proceduto al controllo di un locale il cui titolare è stato denunciato in stato di libertà per “Apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento”, ed è stato sanzionato perché aveva dei lavoratori non in regola, non aveva provveduto a sottoporre i lavoratori al giudizio di idoneità alla mansione, per omessa formazione dei lavoratori, omessa redazione del documento di valutazione dei rischi specifico per minori e per aver adibito dei minori al lavoro notturno.

Il locale verrà sanzionato, a vario titolo per circa 70.000 euro, inoltre è stata disposta la chiusura preventiva.
Nel corso del controllo erano presenti all’interno del locale oltre 280 avventori.

Durante le fasi di uscita dal locale da parte degli avventori, uno straniero 29enne palesemente ubriaco, aggrediva senza motivo un militare. Successivamente il 29enne veniva portato in Caserma e denunciato in stato di libertà per violenza ad un pubblico ufficiale e lesioni personali. Nel corso dello stesso controllo, le unità cinofile rinvenivano 25 grammi di hashish nelle tasche di un 19enne ed altri 7 grammi nel locale.

Nel corso del periodo festivo i controlli verranno ripetuti con la medesima intensità e regolarità.

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)