POOL LIBERTAS – I canturini espugnano Reggio Emilia. In trasferta 2 vittorie su 2

domenica, 15 novembre 2020

REGGIO EMILIA (RE) - Seconda partita, seconda trasferta e seconda vittoria. Il Pool Libertas Cantù espugna il PalaBigi di Reggio Emilia e conquista tre punti importanti. I canturini hanno messo in campo una grande determinazione e attenzione nelle coperture e nelle difese.

LA CRONACA
Coach Matteo Battocchio ripropone il sestetto vincente a Lagonegro, con Matyas Dzavoronok in regia, Matheus Motzo opposto, Romolo Mariano e Matteo Bertoli schiacciatori, Dario Monguzzi e Federico Mazza centrali, e Luca Butti libero. Coach Vincenzo Mastrangelo recupera il suo opposto Giacomo Bellei in diagonale a Riccardo Pinelli, con Andrea Ippolito e Gianluca Loglisci schiacciatori, Andrea Mattei e Simone Scopelliti centrali, e Davide Morgese libero.

Il Pool Libertas parte subito forte, e, trascinato da Motzo, si porta subito 2-6. Bellei tiene vivi i suoi, ma coach Mastrangelo è costretto a fermare il gioco (4-10). Al rientro in campo la Conad prova una reazione ma Cantù allunga costringendo coach Mastrangelo a chiamare il suo secondo time-out (7-15). I padroni di casa provano a recuperare (10-16) ma un ace di Motzo ristabilisce le distanze (10-18). Un muro di Monguzzi su Mattei segna il massimo vantaggio esterno (12-21). Il solito Bellei guida la mini-rimonta interna (16-22) ma Mariano chiude il set a favore dei suoi (17-25).

Nel secondo set sale in cattedra uno degli ex di giornata, Bertoli, e guida i suoi avanti fin dall’inizio (3-6). Coach Mastrangelo gioca la carta Suraci per Bellei, e con uno scatenato Mattei la Conad agguanta la parità a quota 11 e sorpassa con un attacco di Loglisci (15-13). Il Pool Libertas però non indietreggia di un centimetro e resta attaccata al set. Due errori in attacco consecutivi di Bertoli costringono coach Battocchio a chiamare il suo secondo time-out (22-19). A Reggio Emilia basta gestire il vantaggio e chiudere con un attacco di Suraci (25-21).

Gli errori reggiani a inizio terzo set costringono coach Mastrangelo a fermare subito il gioco (0-4). Al rientro in campo Monguzzi e Mazza chiudono il parziale di 0-6. È il parziale decisivo: la Conad non molla, ma il cambiopalla dei canturini funziona alla perfezione e chiude il parziale una veloce di Capitan Monguzzi (17-25).

A inizio quarto set il Pool Libertas prova subito a scappare (2-4) ma coach Mastrangelo ferma il gioco. Si continua lottando palla su palla, lentamente Cantù allunga costringendo il coach reggiano a chiamare il suo secondo time-out (9-14). I canturini non indietreggiano di un centimetro e un attacco mani out di Bertoli chiude set e match (19-25).

“Questi sono tre punti molto belli – commenta coach Matteo Battocchio –. Faccio i complimenti a questo gruppo straordinario di ragazzi, che sono riusciti a reagire alle difficoltà in cui si sono trovati, e questa è una cosa molto importante. Siamo anche stati un po’ fortunati perché la Conad è in condizioni fisiche precarie ma nel nostro campo ho visto una squadra da applausi per come sono riusciti a giocare insieme e a reagire nelle difficoltà. Tra di noi stiamo facendo qualcosa di molto importante”.

CONAD REGGIO EMILIA - POOL LIBERTAS CANTÙ 1-3
(17-25, 25-21, 17-25, 19-25)

CONAD REGGIO EMILIA: Pinelli 1, Bellei 12, Ippolito 6, Loglisci 11, Scopelliti 10, Mattei 8, Morgese (L1), Suraci 3, Ristic. N.E.: Catellani, Sesto, Cagni (L2). All: Mastrangelo, 2° All: Civillini (battute vincenti 0, battute sbagliate 19, muri 6).

POOL LIBERTAS CANTÙ: Dzavoronok 1, Motzo 19, Bertoli 15, Mariano 11, Monguzzi 6, Mazza 10, Butti (L1), Malvestiti. NE: Regattieri, Galliani, Corti, Gianotti, Picchio (L2). All: Battocchio, 2° All: Abbiati, Redaelli (battute vincenti 3, battute sbagliate 14, muri 6).

Arbitri: Maurina Sessolo (Treviso) e Marta Mesiano (Bologna)
Addetto al videocheck: Fabio Palmieri

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)