200-125dumps 100-105dumps 210-260dumps 300-115dumps 200-105dumps 300-101dumps 200-310dumps 210-060dumps 200-355dumps 640-911dumps 300-075dumps 300-208dumps 300-070dumps 300-360dumps 642-998dumps QV_DEVELOPER_01dumps 400-101dumps 210-451dumps 700-501dumps 400-051dumps 117-201exam 070-243exam 70-696dump 648-244dumps 500-005dumps 640-875dumps 700-505 640-878dumps 600-199dumps 400-351dumps 101-400dump 300-320dumps 210-065dumps 70-480dumps CCA-500dumps

PIRATA – Brucia il semaforo, causa un incidente e scappa. Trovato ubriaco

domenica, 15 luglio 2018

CANTÙ - Passa col rosso, cozza un'utilitaria e scappa senza curarsi del ferito. In mezz'ora la polizia locale lo trova, ormai a casa, preda di alcol e droga. Ora il 40enne canturino rischia tre anni e 6mila euro di multa.

L'episodio attorno alle 20 di venerdì, al semaforo tra le vie Lazzaretto e Monte Baldo. Una Kia stava attraversando l'incrocio semaforizzato, provenendo da via Lazzaretto ed avendo luce verde ma mentre si trovava al centro dell'intersezione una Smart in arrivo da via Baldo la colpiva sul lato sinistro.

Alla guida della Smart D.N., cittadino canturino di circa 40 anni, transitato con il semaforo rosso dopo aver superato tutta la colonna di veicoli fermi che lo precedevano, finendo la sua corsa contro la Kia. Senza badare ai danni ed alle condizioni del conducente dell'auto incontrata - una donna, lievemente ferita con prognosi di pochi giorni -, ingranava la retromarcia e fuggiva dal luogo dell'incidente, ma abbandonando la targa anteriore, persa nell'urto.

La polizia locale ha avuto quindi un bel vantaggio nel mettersi alla ricerca del pirata della strada. La Smart risultava intestata ad una società di leasing e il Gps installato a bordo ha permesso di localizzarla in tempo zero.

Si trovava a Cantù, in meno di mezz'ora i vigili erano dal fuggitivo, trovato nella sua abitazione sdraiato sul divano in preda ai fumi dell'alcol e della droga. Accompagnato in ospedale per i prelievi ematici previsti dalla legge e la cura delle lievissime lesioni procuratesi nell'incidente, D.N. è stato deferito per aver provocato l'incidente ed esser stato alla guida in stato di ebbrezza alcolica e sotto l'effetto di stupefacenti. Inoltre è scattata la denuncia per fuga dall'incidente con feriti ed omissione di soccorso.

Per il reato più grave (omissione di soccorso) rischia una ammenda fino a 6mila euro e la detenzione fino a tre anni, cui potrebbero aggiungersi pene cumulative sia pecuniarie che detentive per gli altri reati commessi. Numerose anche le infrazioni al codice della strada contestate: superamento dei veicoli incolonnati al semaforo, passaggio con semaforo rosso ecc... con ulteriori sanzione pecuniarie ed il ritiro immediato della patente finalizzato alla revoca.

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)