‘NDRANGHETA A CANTÙ – Tutti condannati, oltre 100 anni di pena complessivi

venerdì, 19 aprile 2019

COMO - Tutti colpevoli: lo ha stabilito questa mattina il Tribunale di Como pronunciandosi sui presunti  controlli 'ndranghetisti nei locali del centro di Cantù.

La corte di primo grado si è espressa condannando tutti e nove gli imputati comminando complessivamente oltre 100 anni di carcere: la pena più lieve è quella inflitta a Luca di Bella (9 anni e 4 mesi) mentre la più severa coinvolge Giuseppe Morabito,  31enne canturino appartenente all'omonima famiglia calabrese, che dovrà scontare 18 anni.

Il dibattimento in questi mesi ha visto ribadire in aula l'operatività della 'ndrangheta sul territorio canturino, accuse confermate da diversi episodi e intercettazioni, e allo stesso tempo è venuto a galla il caso dell'omertà di molti testimoni, intimoriti dalla paura di subire ritorsioni e lasciati soli anche per via dell'assenza delle istituzioni che non si sono costituiti parte civile. A seguire passo passo gli sviluppi del processo penale a più riprese si sono invece presentati in aula i partiti del centrosinistra e il movimento 5 stelle, oltre a diverse associazioni antimafia.

 

 

 

 

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)