L’ESPOSIZIONE – La mostra di Martina Stilo alla Pro Cantù

giovedì, 10 dicembre 2015

CANTÙ- Prosegue il ciclo di mini-mostre organizzato dalla Pro Cantù. Fino al 31 dicembre sono esposte le opere della giovane studentessa Martina Stilo. L'esposizione, nei locali della pro loco in via Matteotti 39/a, è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 18.00, mentre
sabato e domenica è aperta dalle 15.30 alle 18.30.

Iscritta al liceo artistico Fausto Melotti, attualmente Martina frequenta il quarto anno del corso di Pittura.

Nonostante la giovane età (classe 1998), riceve diverse commissioni che, senza trascurare lo studio, onora mirabilmente grazie alle sue capacità tecniche ed esecutive e direi soprattutto alla creatività che esprime nell’affrontare e sviluppare i temi con originalità.

Ninfe, satiri, elfi, demoni e mostri fanno parte del suo immaginario; sono creature “vere”, i loro volti sono familiari, spesso si tratta di ritratti di amici e di parenti, un’interpretazione umanizzata del mito, ovvero l’umano reso mitico… viene alla mente Sallustio: “I Miti non avvennero mai, ma sono sempre”.

Martina, oltre al disegno a matita o a penna, pratica le diverse tecniche pittoriche, anche la grafica digitale, con la quale da un po’ di anni sta componendo un racconto a fumetti (fare la fumettista è il sogno che persegue da tempo).

Ama anche la scrittura, che pratica componendo versi. È singolare il significato del suo cognome: lo stilo di piombo anticamente era una specie di matita usata nel Medioevo e nel Rinascimento, oltre che per la scrittura su papiri e pergamene, anche per disegnare. Presso gli antichi romani lo stilo era costituito da un’asticella appuntita per scrivere sulla tavoletta di cera. La parola era comunque usata da alcuni scrittori latini per indicare lo stile di scrittura: nomen omen.

MARTINA-STILO

Walter Francone

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)