200-125dumps 100-105dumps 210-260dumps 300-115dumps 200-105dumps 300-101dumps 200-310dumps 210-060dumps 200-355dumps 640-911dumps 300-075dumps 300-208dumps 300-070dumps 300-360dumps 642-998dumps QV_DEVELOPER_01dumps 400-101dumps 210-451dumps 700-501dumps 400-051dumps 117-201exam 070-243exam 70-696dump 648-244dumps 500-005dumps 640-875dumps 700-505 640-878dumps 600-199dumps 400-351dumps 101-400dump 300-320dumps 210-065dumps 70-480dumps CCA-500dumps

DI GREGORIO AD AROSIO – Tornare al voto è un atto d’amore verso Cantù

lunedì, 12 febbraio 2018

Gentile Sindaco di Cantù, Edgardo Arosio,
sai che, al di là delle diverse identità politiche che ci separano, delle divergenze che inevitabilmente ci vedono in contrasto, ti ho sempre dimostrato la mia personale vicinanza umana nel dramma, non solo amministrativo ma anche familiare, che ha caratterizzato questa tua seconda sindacatura. Ho sempre premesso un giudizio di stima personale a ogni valutazione politica su quel contenzioso che ha messo in bilico la tua elezione, per ragione di una palese incompatibilità.

Mi sento quindi ora autorizzato, sul piano morale quantomeno, a rammentarti che esiste un limite all’accanimento con il quale la tua maggioranza vorrebbe resistere a una sentenza del Tribunale amministrativo regionale con la quale viene sancito che fu illegittimo l’atto di annullamento del contratto che ti rendeva incompatibile con la carica di Sindaco.

Sono convinto che ogni tuo gesto sia sempre stato commisurato al senso di responsabilità che sentivi per la città di Cantù, al dovere di governarla, per non farle mancare un solido presidio istituzionale. Ma oggi la situazione è notevolmente cambiata. Con la sentenza del TAR, oltretutto molto severa, si sono ridefiniti i termini di una questione che potrebbe portarci a una situazione di caos e di ingovernabilità per la città.

Un atto di opposizione a tale sentenza potrebbe dare alla tua sindacatura qualche mese ulteriore di ossigeno; ma allo stesso tempo ogni atto da voi intrapreso sarebbe indebolito dal rischio, tangibile, di una incombente chiusura della consiliatura.
Avremmo mesi di (dis)amministrazione, di vuoto decisionale, e poi, quasi sicuramente, le elezioni anticipate. Per non dire delle spese processuali e del tempo, prezioso, da dedicare alla lite davanti al Consiglio di Stato.

Il tutto, proprio in questi tempi, in cui necessitano invece decisioni stringenti, atti significativi, che non abbiamo visto nei primi mesi del vostro governo e non vedremmo per molti altri mesi ancora.

Pertanto, ti invito a compiere un ultimo gesto di amore, verso i cittadini di Cantù e la loro amministrazione, ponendo fine a un’esperienza di governo che è stata compromessa dall’inizio, a causa della conclamata incompatibilità sancita ora dal TAR. Chiudete in fretta questa esperienza, riportate la città al voto, per non perdere del tempo oggi quanto mai prezioso.

Sono convinto che saprai valutare con attenzione e senso del dovere questo mio invito,
ti invio i miei cordiali saluti. Con stima,

Filippo Di Gregorio
Capogruppo Partito democratico
Comune di Cantù

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)