CANTÙ – Pestaggio alla mensa del povero. 20enne in carcere per tentato omicidio

martedì, 5 luglio 2022

CANTÙ - Il giorno 10 giugno, alle 20 circa, agenti del comando di polizia locale è intervenuto a seguito di un violento pestaggio occorso nei pressi della “Mensa del povero” di Cantù. M.S., cittadino italiano di 48 anni residente a Cantù, era immobilizzato sulla barella del soccorso sanitario. Sul posto anche il fratello della vittima, con una lesione superficiale al capo ed in stato confusionale. Per M.S. è stato necessario il ricovero in rianimazione all'ospedale Sant’Anna, in gravi condizioni e prognosi riservata.

Le indagini condotte dalla polizia locale hanno permesso di identificare e deferire all’Autorità Giudiziaria il presunto autore del reato, un giovane di anni venti, di nazionalità italiana e residente a Cantù. Lo stesso è stato indagato per aver presumibilmente colpito ripetutamente la vittima al volto con la fibbia metallica di una cintura avvolta attorno alla mano, a mo’ di tirapugni, facendola rovinare al suolo battendo la nuca, così causandogli trauma cranico ed emorragia cerebrale. La cintura utilizzata è stata sequestrata e sono state acquisite le immagini della videosorveglianza. L’aggressore avrebbe agito accusando la vittima di aver rubato la bicicletta della madre.

Il 30 giugno, su richiesta della Procura della Repubblica, il comando di polizia locale ha eseguito l’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emanata dal gip per il reato di tentato omicidio di M.S. L’indagato, rintracciato, è stato condotto al carcere di Como.

 

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)