CANTÙ – Gratuità del suolo pubblico fino a giugno e incremento esenzione Irpef

giovedì, 18 marzo 2021

CANTÙ - L'Amministrazione Comunale ha ormai predisposto il Bilancio di Previsione per le annualità 2021-2023, caratterizzandolo con un elevato livello di servizi a favore dei canturini, portando avanti quindi l'impegno assunto nel passato 2020 dove l'adozione di misure economiche a sostegno della liquidità di imprese e cittadini si era fatta imprescindibile, anche a causa della grave emergenza sanitaria ed economica che ha colpito il nostro territorio.

"La nostra attività amministrativa è stata guidata da un principio: ridurre al minimo i tagli di spesa e gli incrementi delle imposte - spiega l'assessore alle Attività economiche Giuseppe Molteni - cercando di mantenere inalterato il livello di servizi. Guidati da questa volontà, si è cercato di compensare l'obbligato aumento delle tariffe della Tassa Rifiuti-TARI 2021, dovuto alla recente gara di appalto, con riduzioni sul Canone Unico Patrimoniale, prorogando la gratuità dell'imposta di Occupazione Suolo al 30 giugno, e Addizionale IRPEF, con un aumento della soglia di esenzione da 16 a 17mila euro".

"Abbiamo dovuto richiedere un sacrifico a cittadini ed imprese, con l'aumento della TARI per l'anno 2021 – prosegue Molteni – Consapevoli degli sforzi economici dei canturini, abbiamo cercato di compensare l'incremento della tassa rifiuti, che, ribadiamo, è stato obbligato da normative statali e dalla nuova gara di appalto, con due misure di riduzione delle entrate e una sostanziale conferma".

L'addizionale IRPEF, introdotta a Cantù nel 2012, è stata modificata l'ultima volta nell'anno 2019, portando la soglia di esenzione da 15 a 16mila euro. A partire da questo anno, con l'ulteriore incremento a 17mila euro, nuove fasce della popolazione potranno accedere all'esenzione IRPEF che, come noto, comporta l'abbattimento di tutta l'imposta.

"In questo 2021 sono finalmente maturate le condizioni per un nuovo aumento della soglia di esenzione – dichiara Molteni – Passando da 16 a 17mila euro, l'obiettivo è quello di sostenere le persone più fragili, penso agli anziani con pensioni ridotte o persone con redditi bassi, realizzando così uno dei punti del mandato. Un esempio: chi ha un reddito di 16.500 euro fino all'anno scorso doveva pagare 116,10 euro di addizionale, mentre da questo anno non pagherà più nulla".

Non mancherà, inoltre, il sostegno alle tante attività economiche canturine colpite duramente dalle norme anti – contagio e dal protrarsi incessante di periodi di apertura alternati a chiusure obbligate. L'Amministrazione Comunale ha, così, deciso di ridurre una componente del neonato Canone Unico Patrimoniale, riproponendo la gratuità dell'imposta di Occupazione Suolo per pubblici esercizi e mercati fino al 30 giugno 2021. Sulla base del medesimo principio, si è deciso di esentare le occupazioni degli ambulanti nei mercati dal relativo canone fino alla stessa data.

Infine, sono state confermate le aliquote e detrazioni IMU che restano, quindi, invariate rispetto all'anno precedente.

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)