BASKET – Cantù in scena a Piacenza contro una squadra da non sottovalutare

venerdì, 19 novembre 2021

CANTÙ - Domenica 21 novembre la S.Bernardo-Cinelandia Park allenata da coach Marco Sodini andrà a far visita all’Assigeco Piacenza per l’ottava giornata del campionato di Serie A2, Girone Verde. Il match, palla a due alle 18, si terrà al PalaBanca di Piacenza, impianto da 3700 posti.

La squadra ospitante ha sin qui ottenuto tre vittorie in sette partite, rimediando quattro sconfitte, complice anche un calendario quasi proibitivo che ha visto la compagine biancorossoblu affrontare sinora tante squadre di vertice come Udine, Pistoia e Torino. Proprio contro quest’ultima è arrivato l’ultimo stop in campionato, partita in cui comunque Piacenza è riuscita a competere fino in fondo, nonostante i piemontesi occupassero la seconda posizione in classifica; 82-73 il finale da Torino. A proposito di classifica, con 6 punti l’Assigeco occupa attualmente l’ottava casella; dunque, finisse oggi la stagione regolare, il team guidato da coach Stefano Salieri sarebbe attualmente dentro al lotto delle squadre partecipanti ai prossimi playoff.

QUI CANTÙ
Diverso invece il discorso per i canturini che, ancora imbattuti in tutta la Serie A2 (compreso anche il Girone Rosso), occupano in solitaria la testa della classifica con 14 punti. Sette successi in altrettante partite, l’ultimo in casa contro il fanalino di coda Orzinuovi, ancora a secco di vittorie al pari di Biella. Nel match terminato 76-61 per Cantù, capitan Luigi Sergio e compagni hanno dimostrato – per la seconda gara consecutiva – grande autorità, trovando nel terzo quarto addirittura un momentaneo vantaggio di ventisette lunghezze. Poi, come è anche normale che sia, la formazione brianzola ha abbassato il ritmo, preservando un po’ di energie. Situazione pressoché simile vissuta anche nella trasferta siciliana sul campo della Pallacanestro Trapani, in cui i biancoblu avevano sfiorato il +30, prima di rallentare. Sintomo di una squadra che vuole a tutti i costi arrivare ai playoff pronta e con ancora tanta benzina nel serbatoio, aspetto non di poco conto quando la posta in palio sarà davvero alta. A presentare l’imminente trasferta sul campo dell’UCC l’atleta Lorenzo Bucarelli e il capo allenatore Marco Sodini, di seguito i loro commenti.

Lorenzo Bucarelli: Quando inizi il campionato vincendole tutte è forse normale pensare che una squadra possa prima o poi abbassare la guardia e, di conseguenza, il suo ritmo in campo. Tuttavia, questo è proprio quello che noi vorremmo evitare. Abbiamo avuto sin qui un ottimo avvio ma il gruppo non ha di certo intenzione di accontentarsi, anzi. Per questa ragione vogliamo fare una bella partita a Piacenza, dove sarà importante vincere per acquisire ulteriore fiducia in noi stessi e per allungare la nostra striscia di vittorie. Affrontiamo quindi l’Assigeco con determinazione e concentrazione, senza sottovalutare un’avversaria con qualità tecniche importanti, capace un mese fa di battere Treviglio e di dare, lo scorso weekend, del filo da torcere a una grande squadra come Torino.

Marco Sodini: La gara con Piacenza ci mette di fronte una squadra molto organizzata ed estremamente variegata: dieci giocatori a disposizione di coach Salieri scendono infatti in campo con minutaggi importanti; questo significa avere una distribuzione delle responsabilità molto diversa rispetto alle ultime squadre che abbiamo affrontato. Quanto a noi, essendo una partita in trasferta vorremmo affrontarla con tanta aggressività, cercando di rompere sin da subito il ritmo dei nostri avversari e, soprattutto, occuparci principalmente della nostra crescita in termini di attenzione, specialmente nei momenti in cui riusciamo a produrre una pallacanestro efficace e, quindi, ad avere dei vantaggi. Le partite fuori casa sono sempre complicate ma la nostra crescita deve passare necessariamente da momenti come questi, così da alzare, di partita in partita, la nostra asticella tecnica.

L’AVVERSARIA
È senz’altro un quintetto titolare di livello quello schierato abitualmente da coach Salieri, che nel ruolo di playmaker si affida al classe ’94, ex Fortitudo Bologna, Gherardo Sabatini, 27 anni ma già una sorta di veterano per la categoria. La guardia di riferimento è l’americano Gabe DeVoe, nativo della Carolina del Nord, alla quarta annata in Europa dopo le precedenti esperienze in Polonia, Lituania e Ucraina; sin qui ha prodotto ottimi numeri, 14 punti, 4.7 rimbalzi e 3 assist le sue medie in questo avvio di stagione. Completa il reparto degli esterni l’ex canturino Luca Cesana, già campione d’Italia Under-20 con la maglia di Cantù, nel 2016, e cresciuto nel vivaio fino a esordire in prima squadra sia in Serie A sia in campo internazionale, debuttando in FIBA Europe Cup; nell’ultimo match con Torino ha realizzato 16 punti. L’ala forte titolare è un nome di prestigio: Davide Pascolo, 31 anni il mese prossimo, visto a lungo in LBA con le canotte di Trento e Milano. Con i colori di quest’ultima ha vinto uno scudetto e ha esordito in EuroLega; mentre in bianconero, annata 2015-‘16, è stato inserito nel miglior quintetto dell’EuroCup. Sempre con Trento, inoltre, ha vinto un campionato e una Coppa Italia di A2, vincendo in entrambi i casi il titolo di MVP; dunque, un lusso per la categoria. Il centro è il 24enne campano Tommaso Guariglia, letteralmente scatenato in questa prima parte di stagione tanto da guadagnarsi il premio di MVP del mese di ottobre per quanto concerne il Girone Verde; con 12.4 punti e 8.6 rimbalzi di media, viaggia sempre molto vicino alla “doppia doppia”.

Dalla panchina, invece, il profilo più interessante è senz’altro quello dell’altro americano dell’UCC, vale a dire Phil Carr, ala-centro dalla doppia dimensione, forte sia vicino sia lontano dal canestro, dotato di un tiro da tre più che affidabile. Buon difensore e buon rimbalzista, Carr è alla terza esperienza europea dopo i trascorsi in Slovacchia prima e in Svezia poi, Nazione in cui ha giocato per i Norrkoping Dolphins, squadra dove militò anche un ex recente di Pallacanestro Cantù, la guardia Gerry Blakes, in Brianza nell’annata 2018-’19. Tornando alla panchina biancorossoblu, nelle rotazioni di Salieri trovano spazio anche i giovanissimi Lorenzo Deri e Lorenzo Querci, entrambi classe 2001 ma già con esperienze di un certo tipo alle spalle. Deri è cresciuto nella blasonata Virtus Bologna; Querci, invece, ha giocato in passato per coach Sodini, a Capo d’Orlando, stagione 2019-’20. Un altro nome da aggiungere alla lista degli esterni di Piacenza è quello del tiratore Nemanja Gajic, serbo in possesso di formazione italiana, anche lui classe 2001. Chiudono i lunghi Lorenzo Galmarini, reduce da un triennio a Orzinuovi, e il senegalese Magaye Seck, ennesimo classe 2001 di un roster quindi molto giovane, anch’egli di formazione italiana.

MEDIA E INFO GENERALI
La gara, trasmessa in diretta streaming sulla piattaforma a pagamento LNP Pass, sarà arbitrata dai signori Daniele Valleriani, Alex D’Amato e Vincenzo Di Martino. La partita potrà essere inoltre ascoltata sulle frequenze FM di Radio Cantù 89.600, partner di Pallacanestro Cantù, e in audio streaming sul sito radiocantu.com.

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)