200-125dumps 100-105dumps 210-260dumps 300-115dumps 200-105dumps 300-101dumps 200-310dumps 210-060dumps 200-355dumps 640-911dumps 300-075dumps 300-208dumps 300-070dumps 300-360dumps 642-998dumps QV_DEVELOPER_01dumps 400-101dumps 210-451dumps 700-501dumps 400-051dumps 117-201exam 070-243exam 70-696dump 648-244dumps 500-005dumps 640-875dumps 700-505 640-878dumps 600-199dumps 400-351dumps 101-400dump 300-320dumps 210-065dumps 70-480dumps CCA-500dumps

BASKET – Che bella la rimonta di Cantù ma a vincere è la Reyer

giovedì, 13 settembre 2018

CANTÙ - La seconda edizione del Trofeo Basket Città di Cittadella va alla Reyer Venezia, al termine di una splendida partita. Alla Pallacanestro Cantù, che forse avrebbe meritato l’overtime per coronare la bellissima rimonta del quarto periodo (dal -16 del primo tempo al +4 del 35’), non basta la super prestazione di Davis da 23 punti e 17 rimbalzi. Ottima anche la gara di Blakes, a referto con 16 punti, 9 assist e 5 rimbalzi.

LA CRONACA

Coach Pashutin, ancora privo di Udanoh (infortunio al ginocchio destro) e Gaines (atteso in Italia nella giornata di domani), parte in quintetto con i “soliti” Blakes, Calhoun e Mitchell nel reparto esterni, mentre la novità nei primi cinque biancoblu è rappresentata dalla presenza di Quaglia in quintetto al posto proprio di Udanoh. A completare lo starting five di Cantù, Tavernari, impiegato da “quattro”. La Reyer di coach De Raffaele risponde con capitan Haynes in regia, Kyzlink, Washington, Mazzola e Watt, un quintetto molto fisico, privo ancora di Daye (out per infortunio).

A partire meglio sono i lagunari: primi punti del match a firma di Watt, il quale appoggia al tabellone il 2-0 orogranata. Partenza fiammante della Reyer, avanti 6-0 dopo neppure tre minuti di gioco grazie ai canestri a seguire di Haynes e Kyzlink. Obbligato, dunque, il time out per coach Pashutin. Ma al rientro in campo è ancora Venezia a pigiare sul piede dell’acceleratore, avanti 9-0 con la tripla di Washington. A rompere il ghiaccio in casa Pallacanestro Cantù è Tassone, con un jumper che – dopo quattro minuti di astinenza – consegna alla formazione brianzola i primi punti della gara. I biancoblu accorciano le distanze con Blakes e Davis ma, ad allungare nuovamente per Venezia, è lo specialista dall’arco Bramos, preciso dall’angolo per il +12 (18-6) al 7’. A chiudere il primo quarto è una schiacciata di Davis, quasi come a dare una scossa ai compagni. 22-10 al 10’.

Dopo il 4-0 iniziale di Cantù, Venezia torna a colpire dall’arco con un’altra tripla di Bramos che dà nuovamente la doppia cifra di vantaggio alla squadra veneta: 25-14 al 12’. Le cose per i canturini non migliorano, Reyer ancora letale da tre con la seconda “bomba” della partita di Washington che vale alla squadra di coach De Raffaele il +16 (35-19) dopo sei minuti di secondo quarto. A meno di 3’ dalla fine del primo tempo, ad accorciare per Cantù è il cecchino Tavernari, una sicurezza dalla lunga distanza. Tripla del  -9 (35-26) che riaccende le speranze dei biancoblu. Tuttavia, all’intervallo lungo il tabellone luminoso dice 41-29 per la squadra campione d’Italia della stagione 2016-2017. Venezia guidata dai 16 punti della coppia Haynes-Washington (8 a testa), per Cantù in luce Davis con 7 rimbalzi catturati e 10 punti, unico giocatore in doppia cifra al 20’.

Al rientro dagli spogliatoi sono di Mitchell i primi due punti biancoblu, seguiti da una “schiacciatona” in puro stile showman. Ottima partenza dell’ala americana, che riesce anche a strappare numerosi applausi dalla tribuna nonostante il pubblico di Cittadella sia quasi interamente di fede orogranata. Ed è ancora Mitchell, al 25’, ad appoggiare al tabellone i punti del -9 (47-38). Con Watt non al meglio, gestito dallo staff tecnico e medico della Reyer (resterà in panchina per tutto il secondo tempo), i biancoblu riescono ad accorciare distanze grazie ad una maggiore libertà sotto canestro. Nel  corso del terzo quarto, coach De Raffaele butta nella mischia contemporaneamente i giovani Jarkovic - classe 1999 - e Possamai  -classe 2001 -, i quali rispondono bene alla chiamata del proprio allenatore. Chiude la terza frazione Tavernari, con un altro canestro da tre che accorcia di otto il divario tra le due squadre. 58-50 al 30’.

All’inizio del quarto ed ultimo periodo, i biancoblu piazzano l’affondo, rimontando quasi tutto lo svantaggio. Calhoun e Davis si caricano sulle spalle l’attacco, portando Cantù ad un solo possesso di distanza. Canturini mai così vicini, 58-55 al 31’. Tassone coraggioso dall’angolo, sua la tripla del -2 che aumenta le chanches di rimonta della formazione brianzola. Con ancora 7’ abbondanti da giocare, Mazzola è costretto ad uscire dal campo per il quinto fallo personale. Blakes, con un 2/2 dalla lunetta, fa -1: 64-63 al 34’. Pochi secondi dopo arriva anche il sorpasso con i tiri liberi di Davis, scatenato nella metà campo offensiva. Poi, lo sprint deciso di Cantù, che trova cinque punti consecutivi molto pesanti con una tripla di Calhoun e con un assolo di Blakes in coast to coast. 66-70 al 35’, Venezia in difficoltà, time out chiesto da coach De Raffaele. Biancoblu scatenati con un mini parziale di 20-8 in appena 5’. A centoventi secondi dal termine, squadre in perfetto equilibrio (73 pari). Equilibrio, però, spezzato dalle due triple consecutive di Giuri che riporta avanti i suoi. Bellissimo l’ultimo minuto di gioco, con Blakes e Mitchell che danno spettacolo in campo: il primo serve al secondo un alley-oop al bacio, l’ala ex Trento e Sassari ringrazia concludendo in schiacciata. Ma, proprio ad un passo dalla rimonta completata, Haynes manda a bersaglio la “bomba” della vittoria a trentadue secondi dalla fine. Canestro che gela Cantù, battuta proprio sul finale. Finisce 83-81 per Venezia.

I biancoblu torneranno in campo sabato 15 settembre contro il Fribourg Olympic, formazione campione di Svizzera in carica, palla a due alle 19 al Palasport Parini di Cantù. Quello contro la squadra elvetica sarà l’ultimo test amichevole per il team allenato da coach Pashutin, impegnato poi giovedì 20 settembre per il primo turno preliminare di Basketball Champions League contro gli ungheresi dello Szolnoki Olaj, per la prima partita ufficiale della stagione 2018-2019.

REYER VENEZIA-PALLACANESTRO CANTÙ 83-81
(22-10, 41-29; 58-50, 83-81)

VENEZIA: Haynes 17, Bramos 10, De Nicolao 4, Jerkovic 2, Washington 17, Giuri 9, Mazzola 5, Kyzlink 6, Cerella 6, Watt 7, Favaretto n.e., Possamai. All. De Raffaele

CANTÙ: Mitchell 13, Calhoun 14, Blakes 16, Baparapè n.e., Parrillo, Davis 23, Tassone 5, Pappalardo n.e., Quaglia, Ronchetti n.e., Tavernari 10. All. Pashutin

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)