200-125dumps 100-105dumps 210-260dumps 300-115dumps 200-105dumps 300-101dumps 200-310dumps 210-060dumps 200-355dumps 640-911dumps 300-075dumps 300-208dumps 300-070dumps 300-360dumps 642-998dumps QV_DEVELOPER_01dumps 400-101dumps 210-451dumps 700-501dumps 400-051dumps 117-201exam 070-243exam 70-696dump 648-244dumps 500-005dumps 640-875dumps 700-505 640-878dumps 600-199dumps 400-351dumps 101-400dump 300-320dumps 210-065dumps 70-480dumps CCA-500dumps

MARIANO – Perde l’appalto e per risarcimento tenta un’estorsione: in manette

lunedì, 12 febbraio 2018

MARIANO COMENSE - I militari della Tenenza Carabinieri di Mariano Comense hanno tratto in arresto sabato sera, in flagranza di reato, R.F., cittadino italiano classe 1956, originario e residente a Brescia, responsabile del reato di estorsione. Il tutto è accaduto presso una nota società comasca nel campo degli arredamenti, oggetto delle richieste estorsive da parte dell'arrestato.

Il provvedimento è scaturito a seguito della denuncia sporta lo scorso 8 febbraio a Mariano Comense dall’amministratrice della ditta, che in quella circostanza ha riferito di aver ricevuto una richiesta estorsiva di mille euro da parte di R.F.

A motivare la richiesta ci sarebbe un singolare retroscena: l’autore del reato, a fronte del rifiuto ricevuto dalla citata ditta circa il conferimento di un appalto per la bonifica e la rimozione di rifiuti speciali già aggiudicato ad altra società, ha dato il via a una serie di minacce, furti e danneggiamenti finalizzati ad ottenere la somma richiesta come "indennizzo" per il mancato contratto stipulato.

È così che, dopo analisi di tabulati telefonici, vaglio di conversazioni intercorse tra la vittima e il reo e pedinamenti, i carabinieri di Mariano Comense sono intervenuti nella sede della società oggetto di richiesta estorsiva al momento della consegna del pagamento, arrestando l’autore del reato.

Quest'ultimo è stato associato alla casa circondariale di Como.

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)