200-125dumps 100-105dumps 210-260dumps 300-115dumps 200-105dumps 300-101dumps 200-310dumps 210-060dumps 200-355dumps 640-911dumps 300-075dumps 300-208dumps 300-070dumps 300-360dumps 642-998dumps QV_DEVELOPER_01dumps 400-101dumps 210-451dumps 700-501dumps 400-051dumps 117-201exam 070-243exam 70-696dump 648-244dumps 500-005dumps 640-875dumps 700-505 640-878dumps 600-199dumps 400-351dumps 101-400dump 300-320dumps 210-065dumps 70-480dumps CCA-500dumps

CRONACA – I carabinieri di Cantù e Mozzate arrestano quattro rapinatori

mercoledì, 10 gennaio 2018

MOZZATE - Questa mattina all’alba i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cantù, in collaborazione con i colleghi della Stazione CC di Mozzate e con la partecipazione nelle fasi esecutive di personale della Compagnia CC di Treviglio (BG), "hanno dato esecuzione a Milano e nella provincia di Bergamo, ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Como su richiesta dei P.M. Daniela Moroni e Pasquale Addesso che hanno coordinato le indagini", nei confronti di

Matteo De Giglio, 57 anni abitante a Terno d’Isola (BG), attualmente ristretto presso la Casa Circondariale di Milano San Vittore;
Marco De Giglio, 29 anni abitante a Terno d’Isola (BG), attualmente ristretto presso la Casa Circondariale di Milano San Vittore;
Antonio Leprinetti, 46 anni abitante a Milano;
Gesualdo Cusumano, 63 anni abitante a Filago (BG).

Per tutti, i reati contestati sono quelli di rapina aggravata e sequestro di persona in concorso per la rapina avvenuta nel pomeriggio del 21 luglio 2017 nel capannone della ditta ANELDA S.A.S. a Mozzate, adibito a deposito merci.

Nel complesso, il valore della refurtiva, composta da circa 180 biciclette ammonta a circa 208mila euro. Il provvedimento restrittivo è stato notificato ai De Giglio presso la Casa Circondariale di Milano San Vittore dove si trovano già detenuti. Leprinetti e Cusumano, sorpresi presso le rispettive abitazioni, sono stati tradotti in altri carceri della Lombardia.

Le indagini continuano per verificare se alla realizzazione della rapina abbiano partecipato altre persone e per comprendere la destinazione della refurtiva che, sin dalle ore immediatamente successive al “colpo”, potrebbe aver imboccato la via dell’Est Europa.

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)