Cheap Canada goose Canada Goose Outlet woolrich nederland

BASKET – Calathes sbarca a Cantù: “Il derby con Milano? So cosa significa”

giovedì, 5 gennaio 2017

CANTÙ - Dopo settimane di attesa, è finalmente arrivato (e non in prova) l’innesto tanto cercato negli ultimi tempi dallo staff canturino; lo statunitense Patrick Calathes, di cittadinanza greca, è stato infatti ufficialmente presentato dalla Pallacanestro Cantù e farà il suo esordio lunedì sera, nel derby contro Milano, utilizzando il 14° tesseramento a disposizione.

Giocatore classe 1985, capace di coprire più ruoli (dal 3 al 5), Calathes arriva dal Panathinaikos dove era poco impiegato e così la trattativa ha potuto fortemente contare su questo aspetto, anche perché il lungo greco dovrebbe contribuire ad un notevole salto di qualità della squadra.

“Ad Astana, in Kazakistan, ha avuto un’ottima stagione lo scorso anno, era uno dei leader e lo conosco bene – ha detto coach Bolshakov – e credo sia il tassello che ci mancava. Con il suo arrivo potremo permettere a Callahan di fermarsi per recuperare dai fastidi all’inguine e quindi a livello di roster non cambierebbe nulla numericamente parlando. Ma ciò che conta – ha continuato l’allenatore canturino – è la volontà di giocare insieme”.

Quadriennio universitario a St. Joseph’s con 17.5 punti e 7.5 rimbalzi di media nella sua annata da senior, Calathes ha debuttato in Europa nel 2008, vestendo le maglie di Marousi BC, Kolossos Rodi, Panathinaikos, Maccabi Haifa e BC Astana: “Sono molto felice di essere a Cantù, qui c’è una grande storia e ho sempre voluto giocare in Italia – ha detto il neo-canturino – apprezzo lo stile di Bolshakov e mi piace il suo sistema di gioco. Inoltre mi sento benissimo, sono al 100%”.

Una “novità” avere un giocatore in perfette condizioni, per di più a pochi giorni da una sfida che dire sentita è dire poco, il derby contro Milano, che chiuderà il girone di andata. I due punti sono importanti per confermare la definitiva rinascita della Red October, in un una partita che oggi più che mai metterà di fronte la grande metropoli dal roster infinito, e la piccola città che deve dare sempre il tutto per tutto per portare a casa il risultato.

“So cosa significa giocare un derby, ho giocato in Grecia contro l’Olympiacos quando ero al Panathinaikos – ha spiegato Calathes – e ritengo sia grandioso avere la sfida subito contro Milano e confrontarsi così con i migliori”.

Kirill Bolshakov ha quattro giorni di tempo per inserire il 12 canturino (questo il numero di maglia che ha scelto) e buttarlo nella mischia di un PalaDesio che si spera di riempire in ogni angolo di posto, con i biancoblu che per una sera torneranno biancoverdi, indossando i colori della Forst che sarà main sponsor, con un salto nostalgico (e celebrativo) negli anni 70.

“Il morale è alto, lavoreremo in questi giorni per arrivare al match contro Milano”, ha chiuso un sereno e, come sempre tranquillo, coach Bolshakov, evidentemente soddisfatto per l’arrivo di Calathes.

 

Davide Porro

 

il Canturino NEWS - supplemento quotidiano a Lario News, testata giornalistica registrata (Tribunale LC n. 234/2015)